Azure. Cosa monitorare.

Azure. La nuova frontiera del cloud.

Il vecchio approccio di memorizzazione dati su data center self-hosted sta rapidamente diventando obsoleto. La maggior parte delle aziende si sta spostando verso soluzioni cloud come Microsoft Azure. Azure offre oltre 600 servizi come elaborazione on-demand, storage, gestione dei dati, networking e macchine virtuali (VM): componenti importanti della piattaforma cloud di Azure. Le macchine virtuali Azure offrono la flessibilità necessaria alle aziende per creare reti virtuali per un’ampia varietà di soluzioni di elaborazione e offrire servizi a un pubblico globale.

Azure. Monitoraggio di Azure VM.

Il monitoraggio delle metriche delle prestazioni di VM di Azure pone una serie di sfide. Quando si tratta di macchine virtuali Azure, le due principali sfide affrontate dagli amministratori IT sono:

  • Downtime non pianificato: il tempo di inattività del sistema è un incubo per qualsiasi azienda. Applications Manager, il nostro software di monitoraggio delle prestazioni delle applicazioni, può avvisare in modo proattivo delle condizioni critiche e aiutare a intraprendere azioni correttive.
  • Mancanza di visibilità delle prestazioni: per prestazioni efficienti delle applicazioni, è essenziale monitorare metriche quali utilizzo della CPU, tempo di interruzione, privileged time e byte disponibili per isolare e risolvere i problemi prima che gli utenti finali subiscano l’impatto.

Azure. Monitorare le metriche con Applications Manager.

Il monitoraggio delle metriche delle prestazioni di VM di Azure fornisce informazioni in caso di eventuali drastici cambiamenti nelle prestazioni del sistema. Mentre si monitorano le metriche critiche, l’impostazione delle soglie è vitale. In questo modo, potrete assicurarvi che le metriche non siano sovrautilizzate. Di seguito sono elencate le cinque principali metriche VM da monitorare, oltre ai valori soglia consigliati.

Azure. Utilizzo della CPU.

Azure.

L’utilizzo della CPU si riferisce alla quantità di lavoro gestito da una CPU. L’elevato utilizzo della CPU per un lungo periodo di tempo ridurrà la durata di vita delle VM.

Soglia consigliata: 60-70% (se tutte le funzionalità di Azure VM sono abilitate)

Risoluzione: verificare la presenza di app attive che richiedono CPU, processi inattivi e se sono in esecuzione troppi processi in background.

Azure. Interrupt time.

Il tempo di interruzione è la percentuale di tempo impiegato dal processore per gestire gli interrupt. Un tempo di interruzione elevato nel processore potrebbe indicare un problema hardware o del driver.

Soglia consigliata: 30-50%

Risoluzione: controlla i driver di periferica o gli adattatori che spesso causano tempi di interruzione elevati.

Azure. Privileged Time.

Il privileged time è la percentuale di tempo in cui il processore è stato occupato con le operazioni in modalità kernel. Un privileged time elevato nel processore potrebbe indicare un problema di hardware o driver.

Soglia consigliata: 30-40%

Risoluzione: driver di sistema o software antivirus difettosi possono causare un elevato periodo di tempo privilegiato. Controlla e risolvi i driver di sistema difettosi.

Azure. Available bytes.

I byte disponibili sono la quantità di memoria fisica immediatamente disponibile per l’allocazione a un processo o per l’utilizzo del sistema. Se la memoria disponibile è costantemente bassa (2 MB o meno), il computer non risponderà perché sarà occupato esclusivamente dalle operazioni di I/O su disco.

Soglia consigliata: 1-5%

Risoluzione: noti quali processi sono in esecuzione e le dimensioni dei loro working set durante il monitoraggio dei contatori di memoria. Potrebbe essere necessario aggiornare o sostituire i processi se contribuiscono a carenze di memoria e non si desidera acquisire memoria aggiuntiva.

Azure. Percentuale di byte in uso.

Azure.

La percentuale di byte impegnati in uso è la quantità utilizzata dal file di paging. È calcolata in base a (memoria/byte impegnati) in rapporto a (limite memoria/commit). I byte impegnati sono la quantità di memoria virtuale impegnata e il limite di commit è determinato dalla dimensione del file di paging. Se la percentuale di byte impegnati in uso è elevata, le prestazioni generali del sistema potrebbero diminuire in misura significativa e portare a prestazioni del sistema operativo e delle applicazioni scadenti.

Soglia consigliata: 80%

Risoluzione: consente di chiudere o arrestare una o più applicazioni, servizi e processi.

Aggiungi memoria fisica aggiuntiva al computer. Sposta le applicazioni su uno o più computer aggiuntivi.

Oltre a queste metriche, puoi monitorarne molte altre con Applications Manager. Applications Manager, segnala immediatamente quando una metrica viola la sua soglia. È presente anche il support per il DB SQL di Azure.

Ti interessa provare subito la versione demo gratuita di Applications Manager? Puoi scaricarla da qui: http://www.manageengine.it/applications_manager/

Se invece vuoi maggiori informazioni di carattere tecnico o commerciale, contatta gli specialisti Bludis allo 0643230077 o invia una e-mail a sales@bludis.it

Articoli correlati

Nessun commento

Commenta