Home Focus Come allineare l’IT al tuo business

Come allineare l’IT al tuo business

9 minuti di lettura
0
105

Avete mai sentito la vostra auto tirare verso destra o verso sinistra quando invece si voleva andare dritto? Capite subito che le ruote devono essere riallineate. Se il vostro business è la vostra auto, l’IT è senza dubbio le ruote. Se il vostro business inizia a non andare bene, potrebbe essere il momento buono per verificare se c’è il giusto allineamento tra business e IT.

Di seguito, dieci punti chiave per allineare IT e business:

1. Avere un CIO dinamico: avete bisogno di un CIO che collabora con il Top Management, analizza i dati di mercato, le tendenze e studia strategie per il futuro. Deve investire nelle giuste tecnologie che aiuteranno la vostra azienda a essere vincenti sul mercato. Cambierà così il modo in cui la vostra azienda si pone sul mercato.

2. Trasmetti la storia dell’IT: una newsletter mensile che informa l’intera azienda su come l’IT sta influenzando positivamente il business può essere un grande aiuto. Questo darà all’IT la giusta visibilità e lo aiuterà a essere percepito come il cuore dell’azienda. Nel corso del tempo, l’IT sarà in grado di costruire relazioni forti e produttive con altri settori dell’azienda. Nel processo, il team IT sarà motivato a lavorare di più.

3. Brand Equity con la tecnologia: ogni brand che si rispetti, fa promesse ai propri clienti. Il team IT, deve essere in grado di soddisfare sempre tali promesse. Il Service Catalog, altro non è che queste promesse documentate, deve essere sviluppato come mezzo per costruire la brand equity. Il team IT deve sempre lavorare seguendo gli obiettivi specifici del cliente.

4. Impegnarsi a essere social: circa il 35% degli americani, sostiene che i social media influenzano in qualche modo le loro decisioni di acquisto. Il JW Marriott Cancun Resort, ha messo in atto una delle migliori campagne social media generando un utile di quasi 380000 dollari e raggiungendo 1.8 milioni di persone. IT e marketing dovrebbero analizzare l’andamento del target, la crescita dei diversi dati demografici nei social media, e la percentuale di clienti che accede ai social network attraverso i dispositivi mobili. Bisogna essere presenti al posto giusto per interagire con le persone. Uno strumento per l’analisi dei social media che s’integra con le varie piattaforme social fornendo analisi competitive, sarà un ulteriore aiuto.

5. Aumenta la produttività con il mobile: sfrutta la potenza del BYOD (Bring Your Own Device). Nei mercati sviluppati come USA, UK e Germania, il BYOD porta il 21% guadagni. È necessario decidere a quali dipendenti consentire l’accesso mobile, quali dati possono consultare e la tipologia di dispositivo da utilizzare per l’accesso. Naturalmente, in questi casi, la sicurezza informatica e la gestione degli asset diventano di fondamentale importanza.

6. Usa i Big Data per le piccole cose: il giusto strumento per l’analisi dei dati può fare una grossa differenza. Southwest si definisce una società di servizi al cliente che sa solo far volare aerei. Utilizzano i Big data per scoprire nel dettaglio le esigenze dei clienti e rimanerci in contatto. I risultati sono eloquenti: la compagnia è classificata come la miglior compagnia aerea degli stati uniti. I Big Data, possono sicuramente aumentare il margine operativo ben oltre il 60%.

7. Focus sul Cloud: Netflix (società di streaming online on demand), usa il cloud così da potersi concentrare sui suoi contenuti. Questo è il motivo principale per cui Netflix rappresenta il 33% di tutto il traffico web in prima serata in Nord America. Il cloud pubblico, è a basso costo, semplice ma può anche essere meno sicuro. Un cloud privato, offre maggior sicurezza e compliant ma è anche più costoso. Una piccola azienda, può preferire la flessibilità del cloud in modalità “pay as you go”. Una banca invece preferirà la sicurezza del cloud privato. Il cloud ibrido, può essere preso in considerazione da una società che gestisce diverse tipologie di informazioni, sensibili e non. Utilizzando il cloud, otterrete una crescita dell’utile lordo superiore fino a 2,5 volte rispetto alla vostra concorrenza.

8. Mostra il ROI: i benefici (e costi) dei progetti IT vanno quantificati e, un business case, deve essere presentato prima di ottenere il via libera per l’investimento. I guadagni indiretti dovuti all’incremento di produttività dei dipendenti, la customer satisfaction e la collaborazione, devono essere stimati durante il calcolo del ROI.

9. Muoviti velocemente: è necessario che un progetto IT si muova a rapidamente per creare impatto sul business nel più breve tempo possibile. Essendo i primi ad adottare una tecnologia, si possono avere notevoli vantaggi competitivi. Le Project deadlines, vanno misurate in giorni, non i mesi!

10. Mai più Shadow IT: può portare a benefici a breve termine i reparti che lo mettono in pratica ma, può portare anche a grosse inefficienze, perdite di tempo e di sicurezza. Un sistema informativo integrato, permette a più settori di collaborare lavorando insieme per raggiungere l’obiettivo e il successo.

Nei prossimi anni, sarà fondamentale per l’IT essere al passo con le esigenze del business e conoscere il polso dei clienti in ogni momento per battere la concorrenza. In questo modo, il valore del cliente, può essere massimizzato e la vostra azienda raggiungere il suo vero potenziale.

Allinea l’IT per far emergere il tuo vero potenziale!

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Focus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

OpManager. Network Monitoring for SME.

OpManager. Network Monitoring for SME. Il budget IT della vostra azienda è limitato? Non è…