NETWORK MONITORING – Seconda Puntata

Come OpManager si adatta alla tua rete
OpManager offre inoltre il grande vantaggio di essere strettamente integrato con le altre soluzioni della suite ManageEngine. Basato su una robusta piattaforma, OpManager ha tutti i requisiti per essere il prodotto di monitoraggio ideale per ogni amministratore di rete. Diamo uno sguardo veloce alle varie funzionalità offerte da OpManager:

OpManager Discovery
OpManager offre varie opzioni nell’ambito delle proprie funzioni di rilevamento automatico. I vari dispositivi vengono automaticamente classificati in base alla categoria in router, switch, server, etc. Il rilevamento viene effettuato basandosi sugli standard SNMP/ICMP. Le opzioni di rilevamento includono:

IP Range-based Discovery
L’opzione di poter effettuare la discovery specificando un determinato range di indirizzi IP, ha il vantaggio di essere più veloce rispetto ad una scansione totale della rete. Ogni nuovo dispositivo di rete verrà inoltre discoverato automaticamente e classificato.

CIDR Discovery
Questa opzione permette la discovery tramite subnet di rete.

File-based Discovery
Questa funzione è utile quando l’amministratore non vuole eseguire una discovery totale sulla rete, quindi l’aggiunta di device può essere effettuata mediante importazione da file csv che comprende l’elenco di host-names o indirizzi IP.

On-demand Discovery
Quando un nuovo dispositivo viene collegato alla rete, OpManager permette la discovery puntuale del singolo device.

Infrastructure Maps and Business Views

I dispositivi rilevati sono raggruppati per categoria per permetterne un più facile monitoraggio. Inoltre OpManager offre la possibilità di creare diverse viste e raggruppare in modo logico tutti i device gestendoli da una singola console. Questa opzione consente di gestire i dispositivi presenti in ogni punto della rete assegnando permessi alle varie aree di competenza.

Monitoraggio di quasi tutte le risorse di rete
OpManager supporta diversi tipi di protocolli: SNMP, WMI, Telnet e SSH oltre a permettere la creazione di script personalizzati. Permette di monitorare quasi tutte le risorse di rete e di avere una reportistica dedicata.

Availability & Uptime monitoring
Un modo rapido e sicuro per determinare le performance di una rete e delle sue risorse, è verificarne la disponibilità. La cosa più semplice è fare un ping sul dispositivo per vedere se è funzionante o meno. Questa operazione è il punto di partenza dell’amministratore per individuare la causa del problema e tentare di risolverlo. Il monitoraggio proattivo sulla disponibilità di una risorsa, aiuta ad avere un “piano B” nel caso in cui non si riesca a ripristinare il problema nelle tempistiche desiderate.

System Resources monitoring
Se abbiamo performance scadenti sull’hardware, questo influirà sul funzionamento dei vari servizi. Un server la cui CPU e memoria sono totalmente occupate dalle varie applicazioni, diventerà inutilizzabile. Monitorando costantemente le risorse, sarà possibile prevedere un eventuale sovraccarico e ripartirle in modo tale che non ci sia discontinuità o fermo del servizio.

Bandwidth monitoring
Molte attività sono basate sulla WAN, parte indispensabile e costosa di una rete aziendale. L’amministratore di rete deve evitare malfunzionamenti e garantire che le attività lavorative non subiscano interruzioni. Monitorando la latenza sul collegamento WAN, l’utilizzo della banda ed il round-trip-time (RTT), l’amministratore può evitare interruzioni di attività e pianificare meglio il funzionamento delle singole risorse.

Nessun commento

Commenta