Home Soluzioni IT Operations Management Cloud monitoring. Best Practices.

Cloud monitoring. Best Practices.

11 minuti di lettura
0
115
Cloud monitoring.

Cloud monitoring. Best Practices.

Con l’avvento delle tecnologie cloud, c’è stato un importante cambiamento nel modo in cui le aziende gestiscono le operazioni dell’infrastruttura e la fornitura dei servizi. Il crescente spostamento verso ecosistemi cloud basati su only-cloud e ibridi per le operazioni aziendali ha reso necessario l’utilizzo di strumenti di monitoraggio per le prestazioni e l’efficienza di questi servizi. Illustreremo i vantaggi del monitoraggio completo del cloud.

Cloud monitoring. Perché monitorarlo?

Se utilizzi un servizio di cloud pubblico come Amazon Web Services (AWS) o Azure, probabilmente utilizzi già il servizio di monitoraggio offerto dal fornitore di cloud pubblico, poiché si integra perfettamente. In un’infrastruttura organizzativa su larga scala, la visibilità oltre i parametri di base offerti da questi servizi è essenziale per il monitoraggio del cloud 24 ore su 24. Innanzitutto, se disponi di un’infrastruttura cloud ibrida o di applicazioni personalizzate realizzate internamente, è altamente probabile che il tuo processo di monitoraggio diventi ulteriormente complicato con l’introduzione di più strumenti per varie tecnologie essenziali. Uno strumento di monitoraggio del cloud in grado di monitorare i server fisici e virtuali insieme ai servizi cloud è l’ideale, in quanto può aiutarti a proteggere l’intero ecosistema di applicazioni IT da minacce inosservate alle prestazioni, prevedere l’utilizzo e pianificare la capacità per il futuro. Di seguito una serie di parametri chiave da monitorare.

Cloud monitoring. Memory, disk and Network.

Che tu utilizzi AWS, Azure, Oracle Cloud Infrastructure (OCI) o Google Cloud Platform (GCP), Compute è uno dei primi servizi cloud implementati dalle organizzazioni che preferiscono il cloud. Inutile dire che l’aspetto principale del monitoraggio delle prestazioni del cloud implica il monitoraggio dei parametri fondamentali delle prestazioni, in particolare l’utilizzo della memoria, lo spazio su disco e il traffico di rete; tenere traccia di queste metriche è fondamentale per garantire la disponibilità delle risorse e le prestazioni delle applicazioni senza interruzioni. L’analisi storica delle prestazioni di queste tendenze di utilizzo può aiutare a pianificare la capacità per il futuro.

Cloud monitoring.

Cloud monitoring. Object Storage.

A seconda del fornitore, le metriche dello storage a blocchi potrebbero variare, ma si tratta più o meno degli stessi parametri. Mentre gli oggetti, le dimensioni degli oggetti, le richieste al minuto, i dettagli della rete e la latenza sono metriche di monitoraggio del cloud critiche da tenere sotto controllo in AWS, GCP e OCI, le dimensioni dei blob e le richieste dei blob prendono il loro posto in Azure. Questi parametri possono aiutare a comprendere il carico sul servizio di archiviazione e identificare gli errori nell’elaborazione delle richieste individuando le aree errate.

Cloud monitoring. Relational Database.

I database relazionali sono sempre stati apprezzati dagli sviluppatori e sono ampiamente utilizzati dalle aziende. Come per le configurazioni fisiche, i database cloud richiedono il monitoraggio. È importante in termini di metriche come l’utilizzo della CPU, la sessione del database, i dettagli dello spazio tabella e le connessioni al database. Un monitoraggio approfondito con soglie adeguate è fondamentale. Eviteremo problemi di compromissione delle prestazioni come tempi di risposta scadenti delle applicazioni rivolte agli utenti finali a causa di un numero maggiore di connessioni utente o di esecuzione lenta delle query.

Cloud monitoring. Monitoring Plan.

Il monitoraggio di qualsiasi componente IT, dai server fisici ai servizi cloud alle applicazioni rivolte agli utenti finali, richiede una visibilità approfondita. Così facendo, vengono alla luce problemi di prestazioni che altrimenti sarebbero passati inosservati e si sarebbero manifestati attraverso prestazioni compromesse e tempi di inattività aziendale.

Cloud monitoring. Essential elements.

La prima cosa è assicurarsi di monitorare tutti gli elementi essenziali dell’ecosistema IT. In particolare i fondamentali come l’infrastruttura server (fisica, virtuale o cloud) e le prestazioni della rete e delle applicazioni. Si può fare con una soluzione di monitoraggio completa che può fornire informazioni dettagliate sui problemi di prestazioni e anche facilitare la pianificazione della capacità attraverso l’analisi delle tendenze storiche.

Cloud monitoring.

Indipendentemente dal fornitore di cloud utilizzato, è importante avere una visibilità dettagliata dei parametri critici. I problemi di prestazioni saranno sempre in agguato e la fornitura di servizi aziendali senza interruzioni rimarrà minacciata.

Cloud monitoring. Single Dashboard.

Le aziende moderne si spostano lentamente verso un ecosistema only-cloud o ibrido. È importante che lo strumento di monitoraggio del cloud offra un unica dashboard per raccogliere e correlare i dati da elementi fisici, virtuali e cloud. Questa flessibilità renderà il passaggio facile e supporterà anche applicazioni legacy e server fisici. Si copre così l’intero ecosistema IT rendendo lo strumento di monitoraggio del cloud un investimento utile.

Cloud monitoring. Automate Routine.

È meglio automatizzare le attività correttive di routine così da potersi concentrare sulle situazioni che richiedono l’intervento umano. L’automazione è una parte fondamentale del processo DevOps. Un’automazione adeguata può aiutarti a migliorare la produttività nel cloud. Puoi impostare azioni automatiche, avvio, arresto o riavvio di istanze cloud, quando viene violata una soglia. Questo aiuta a eseguire azioni di scalabilità verticale o chiudere automaticamente le risorse inutilizzate. Si gestiscono meglio i costi del cloud, soprattutto con un piano tariffario con pagamento in base al consumo.

Cloud monitoring. Manage your costs.

L’utilizzo continuo dei servizi cloud spesso aumenta i costi. Uno strumento di monitoraggio delle prestazioni del cloud ideale dovrebbe essere in grado di monitorare la fatturazione del cloud e avvisarti nel caso in cui venga raggiunto un determinato importo di soglia. Ciò consente di rimanere informati sull’utilizzo e sulle tendenze dei costi corrispondenti. Puoi così pianificare il budget destinato al cloud.

ManageEngine Applications Manager offre un monitoraggio cloud ibrido approfondito. Dai server fisici e virtuali ai servizi cloud più diffusi all’interno di AWS, Azure, GCP, OCI e OpenStack. Servizi SaaS come Office 365 e oltre 130 altre applicazioni aziendali, assicura la piena visibilità nel tuo ecosistema di applicazioni IT. Consente di configurare alert automatici e azioni correttive. Comprendere meglio la disponibilità e le prestazioni complessive e pianificare la capacità per fornire servizi senza interruzioni ai clienti.

Per informazioni di carattere tecnico o commerciale contatta il supporto Bludis allo 0643230077 o invia una e-mail a sales@bludis.it Puoi scaricare la versione di prova gratuita qui: https://www.manageengine.it/applications_manager/

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in IT Operations Management

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

Conditional access. Improve your security!

Conditional access. Improve your security! Il lavoro a distanza sta rapidamente diventando…