Home Soluzioni IT Operations Management Cloud per tutti. Forse ci siamo!

Cloud per tutti. Forse ci siamo!

12 minuti di lettura
0
4,949
Cloud per tutti.

Cloud per tutti. Forse ci siamo!

Negli ultimi vent’anni, molto è cambiato in ambito IT. Due decenni fa usavamo ancora modem dial-up. Ora, l’intero World Wide Web è a portata di mano e il nostro mondo IT è più efficiente ma anche complicato. Durante questo periodo si sono sviluppate anche alcune tendenze IT significative. Una delle più importanti è il cloud, diventato anche parola d’ordine comune nel mondo degli affari. Come molte parole d’ordine, c’è molta eccitazione e confusione intorno al termine. Allora, cos’è esattamente il cloud? È un ambiente IT che astrae, raggruppa e condivide risorse scalabili in una rete. I cloud vengono solitamente creati per abilitare il cloud computing: la fornitura di servizi di elaborazione su richiesta, dalle applicazioni allo storage e alla potenza di elaborazione. Nell’ultimo decennio, il cloud computing è maturato su diversi fronti. Possiamo osservare più aziende che cambiano strategie man mano che aumenta la pressione per passare ai servizi cloud.

Cloud per tutti. Qualche dato.

Secondo un rapporto di Research and Markets, il mercato globale del cloud computing dovrebbe crescere fino a 832,1 miliardi di dollari entro il 2025, con una crescita annuale composta (CAGR) del 17,5%. Una scoperta di Boston Consulting Group (BCG) afferma che la spesa per il cloud pubblico in otto principali economie dell’APAC – Australia, India, Indonesia, Malesia, Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam – sta crescendo a un ritmo più rapido che negli Stati Uniti Stati ed Europa occidentale. Le aziende APAC dovrebbero spendere il 10% dei loro budget IT sul cloud entro il 2023. In un altro rapporto di BCG, i risultati hanno evidenziato che Singapore ha un mercato cloud pubblico altamente penetrato nella regione APAC e si prevede che crescerà al 20% CAGR a 3,5 miliardi di dollari entro il 2023. Inoltre, il mercato del cloud computing in Malesia dovrebbe valere 3,7 miliardi di dollari nel 2024, crescendo a un tasso composto del 13% dal 2020. In un sondaggio di Deloitte su oltre 500 leader e dirigenti IT, la maggior parte ha menzionato che i fattori principali per la migrazione al cloud sono la sicurezza, la modernizzazione dei dati e i costi.

Cloud per tutti. È il momento giusto?

Ora sembra un buon momento per fare questa scelta! Tuttavia, prima di decidere di migrare la tua infrastruttura IT nel cloud, dovrai creare un solido caso aziendale. Diamo un’occhiata ad alcuni esempi. Nel 2008, il servizio di media americano Netflix ha avuto un problema: la sua architettura client di back-end stava fallendo gravemente. Si è verificato un incidente fatale quando la società ha inviato un pezzo di firmware all’array di dischi e ha danneggiato il database di Netflix. L’azienda ha impiegato tre giorni per riprendersi. È stato allora che il team di gestione ha deciso di passare al cloud in quanto fornisce un modo flessibile e a basso costo per garantire risorse IT affidabili rispetto all’infrastruttura esistente dell’azienda. Un altro esempio è presentato in un caso di studio di AWS riguardante Swire Coca-Cola, una divisione del conglomerato diversificato con sede a Hong Kong e Londra. Ha dovuto affrontare una sfida quando la sua architettura IT legacy non poteva essere scalata e adattata rapidamente in risposta ai rapidi cambiamenti del mercato. Poiché Swire Coca-Cola richiedeva scalabilità e flessibilità, ha deciso di chiudere i suoi tre data center in loco e di migrare tutti i suoi sistemi aziendali nel cloud. Questi esempi mostrano come valutare alcuni parametri molto importanti.

Cloud per tutti. I costi.

Innanzitutto, devi capire quanto costa effettivamente la tua infrastruttura esistente. Alcuni di questi includono i costi di gestione di data center, linee affittate, server e dettagli di specifiche come CPU, core e RAM, oltre al costo di archiviazione. Dovrai anche calcolare il costo delle applicazioni. È possibile scaricarli, eseguire nuovamente l’hosting nel cloud, ricostruire per il cloud o acquistare un pacchetto Software as a Service. Ciascuna opzione avrà implicazioni di costo diverse. Inoltre, sarà necessario tenere conto dei costi del personale per la manutenzione dei costi dell’infrastruttura esistente e dei potenziali svantaggi, che includono il rischio di essere vincolati a un unico fornitore per la propria infrastruttura tecnologica. Nella maggior parte dei casi, il risparmio sull’infrastruttura può essere la parte più significativa di un business case in termini di risparmio sui costi.

Cloud per tutti. Quando è meglio.

In secondo luogo, devi decidere quale sistema è il migliore per la tua azienda. Esistono principalmente tre opzioni: on-premises, hosted e hybrid. La scelta dipende dalle esigenze e dagli obiettivi dell’azienda. Ogni sistema ha i suoi vantaggi ed è implementato e distribuito in modo univoco per garantire la soluzione migliore e più performante.

Cloud per tutti. On-Premise Cloud.

Adottando questo sistema, stai ospitando internamente un ambiente cloud. Devi avere il tuo data center per ospitare il tuo server. In termini di sicurezza, avrai il controllo completo e allo stesso tempo potrai configurare i tuoi server di conseguenza. Ti assumi la piena responsabilità per i costi, come l’hardware, la licenza del software e la manutenzione. È inoltre necessario disporre di un team interno di esperti IT in grado di gestire e proteggere i dati della tua azienda. L’amministratore di sistema deve assicurarsi che le patch di sicurezza e gli aggiornamenti siano installati in tempo. Per evitare errori che mettono a rischio il tuo sistema, prendi in considerazione una soluzione di gestione degli avvisi all-in-one in modo da poter mantenere il tuo sistema attivo e funzionante.

Cloud per tutti. Hosted Cloud.

Per questa opzione, sceglierai un provider che offre server ospitati nei loro data center. Avrai un team esterno di esperti che gestirà la piattaforma per te. Potrai risparmiare denaro pagando solo il software e non l’infrastruttura che esegue questi sistemi. Anche se questo è un servizio gestito, non significa che il fornitore di servizi stia gestendo la sicurezza per te. Devi assicurarti di essere aggiornato su tutte le patch di sicurezza. Puoi prendere in considerazione l’implementazione di una soluzione UEM completa per controllare, accedere, proteggere e applicare patch a tutti gli endpoint e le risorse aziendali da una console centrale.

Cloud per tutti. Hybrid Cloud.

È un mix tra on-premise e hosted. Oltre ai tuoi server esistenti interni, puoi utilizzare un software ospitato per gestire i dati e disperdere le tue informazioni in altre posizioni. Questa opzione è consigliata per le aziende che desiderano aggiungere applicazioni o mobilità al proprio sistema locale corrente. Si consiglia di distribuire una soluzione di monitoraggio delle prestazioni all-in-one per monitorare il cloud pubblico e privato e realizzare la gestione dei log.

La migrazione al cloud è ottima per le start-up in rapida crescita che cercano di scalare rapidamente. Per le aziende affermate, dipenderà dalla strategia aziendale e anche dal fatto che la modifica dell’infrastruttura esistente abbia senso finanziario. Spostare la tua infrastruttura IT nel cloud non sarà una decisione semplice da prendere, quindi assicurati di considerare queste variabili prima di precipitarti nel cloud.

Per maggiori informazioni contatta gli specialisti di Bludis allo 0643230077 o invia una e-mail a sales@bludis.it I prodotti ManageEngine puoi scaricarli in versione demo gratuita da: www.manageengine.it

Altri articoli correlati
  • URL filtering.

    URL filtering. Perché adottarlo.

    URL filtering. Perché adottarlo. Il panorama cloud è pieno di URL non sicuri e contenuti i…
  • Talk to Bludis!

    Parlaci, esplora le nostre soluzioni, scoprici da vicino. Perché partecipare Perché non è …
  • Ransomware attack.

    Ransomware attack. Cosa possiamo imparare.

    Ransomware attack. Cosa possiamo imparare. Il recente attacco ransomware a Colonial Pipeli…
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in IT Operations Management

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

URL filtering. Perché adottarlo.

URL filtering. Perché adottarlo. Il panorama cloud è pieno di URL non sicuri e contenuti i…