Home Soluzioni Unified Endpoint Management Endpoint security. Proteggi la tua azienda.

Endpoint security. Proteggi la tua azienda.

14 minuti di lettura
0
157
Endpoint security.

Endpoint security. Proteggi la tua azienda.

Per operare in modo efficiente, le aziende oggi utilizzano numerosi dispositivi come laptop, desktop e dispositivi mobili. La protezione di tutti questi dispositivi, chiamati collettivamente endpoint, migliora significativamente la sicurezza generale della rete IT. Definiamo prima di tutto la sicurezza degli endpoint.

La sicurezza degli endpoint, nota anche come protezione degli endpoint, è un approccio di sicurezza della rete costituito da una serie di processi che identificano, prevengono e rispondono a minacce note e sconosciute. Queste minacce possono derivare dai vari endpoint che si connettono a una rete IT aziendale, che fungono da gateway per potenziali exploit o intrusioni nella rete. Le minacce possono essere basate su malware o non malware, come il furto di dati o danni fisici ai componenti hardware, rispettivamente.

Endpoint security. Perché è cruciale.

Gli endpoint non sicuri comportano un prezzo elevato da pagare. Le spese globali per il recupero di risorse digitali e fisiche ammontano a 6 milioni di dollari ogni anno. Ciò è direttamente collegato alla mancata implementazione di efficaci misure di sicurezza.

Ogni azienda, indipendentemente dalle dimensioni, ha qualcosa chiamato un perimetro digitale. Tutti i dispositivi nella rete aziendale, nonché i dispositivi collegati in remoto alla rete, sono inclusi in questo perimetro. Maggiore è il numero di dispositivi connessi alla rete, più ampia e porosa diventa, creando più punti di ingresso vulnerabili alle infiltrazioni.

Un articolo pubblicato dal Ponemon Institute, intitolato “The Cost Of Insecure Endpoint”, riporta che circa il 63 percento delle aziende non è attrezzato per monitorare endpoint fuori rete, con il 55 percento di tutti gli endpoint vulnerabili contenenti dati sensibili.

Endpoint security. Security Solution.

  1. Le aziende e le loro politiche differenti. Un numero crescente di aziende ha introdotto politiche come portare il proprio dispositivo (BYOD) per consentire ai dipendenti di lavorare da casa o da una posizione remota. In situazioni come queste, gli utenti in genere si connettono alla rete interna dell’azienda attraverso Internet pubblico, dissolvendo virtualmente il perimetro della rete e rendendo più difficile rilevare le violazioni della sicurezza.
  2. Soddisfa le politiche di conformità e normative. Il mancato rispetto delle politiche di conformità degli endpoint può danneggiare la reputazione di un’azienda e mettere in pericolo i dati degli utenti. Con oltre il 56 percento delle aziende che non dispongono di una strategia di conformità coerente, la sicurezza degli endpoint può aumentare significativamente la conformità delle aziende agli standard di sicurezza.
  3. Ridurre la necessità di una gestione manuale degli endpoint. Un altro fattore importante da considerare è il modo in cui l’adozione di una soluzione di sicurezza degli endpoint può influire sulla forza lavoro. La protezione degli endpoint di nuova generazione ha visto la crescita dei flussi di lavoro automatizzati, rendendo i compiti noiosi come il rilevamento delle minacce e la risposta richiedono meno tempo.

Endpoint security. Common Features.

Le soluzioni per la sicurezza degli endpoint incorporano diverse combinazioni delle seguenti funzionalità.

  1. Inventory o asset management. Mantenere un inventario completo di tutte le risorse software e hardware attraverso la rete in tempo reale e monitorare i sistemi in tutta l’organizzazione.
  2. Patch Management. Scansione sistematica dei sistemi nella rete, identificazione delle patch mancanti e distribuzione periodica delle patch selezionate sui computer di destinazione.
  3. Data leakage prevention (DLP). Impedire il trasferimento di dati riservati in dispositivi periferici come unità USB rimovibili, nonché l’intrusione di file da tali dispositivi nei sistemi gestiti. I file contenenti malware possono essere trasmessi agli endpoint se l’accesso degli utenti ai dispositivi periferici non è regolamentato.
  4. Protezione da Insider Threat. L’impostazione di configurazioni di sicurezza accurate tra i sistemi protegge la rete da violazioni interne. Rendere i componenti hardware a prova di manomissione utilizzando la crittografia dei dati aiuta a proteggere gli endpoint e proteggere i dati sensibili. Questa funzione protegge i dati dell’azienda da dipendenti scontenti che potrebbero abusare dei propri privilegi al fine di causare danni fisici e finanziari.

Endpoint security. Firewall e Antivirus.

  1. Blacklisting. La lista nera delle applicazioni è un meccanismo di sicurezza utilizzato per rilevare applicazioni software non sicure nella rete e successivamente controllarne o revocarne l’installazione. Il software che ha raggiunto la fine del suo ciclo di vita, consente la condivisione desktop remoto o opera su un modello peer-to-peer è considerato una potenziale minaccia.
  2. Controllo sui privilegi dell’utente. Assegnare le autorizzazioni o i privilegi dell’utente corretti al software presente nella rete aiuta a proteggere le imprese da exploit esterni. Nel caso di un vero exploit, il controllo dei privilegi dell’utente impedisce anche all’attaccante di influenzare altri sistemi della rete.
  3. Antivirus updates. Controllare sistematicamente se i programmi antivirus sono installati e aggiornati su tutti i sistemi della rete. I prodotti avanzati per la sicurezza degli endpoint distribuiscono automaticamente gli aggiornamenti delle definizioni antivirus agli endpoint quando sono disponibili nuove versioni.
  4. Firewall settings management. Un altro componente cruciale dei prodotti per la sicurezza degli endpoint è il filtraggio del traffico in entrata e in uscita dalla rete. I firewall bloccano il traffico proveniente da fonti non affidabili e limitano l’accesso ai siti Web in base alle impostazioni del firewall.

Endpoint security. Come funzionano?

I prodotti di sicurezza degli endpoint possono essere on-premises o su cloud. In uno di questi, tutti i dati, come i dati delle patch o lo stato dei sistemi, sono archiviati in una posizione centrale, come un server. La macchina server consente a un tecnico di creare o modificare attività relative alla sicurezza dalla console del prodotto.

Soluzione on-premises. Questa è una soluzione semplice ma efficace in cui il programma di sicurezza degli endpoint è installato su un server di rete e gestisce gli endpoint da una console centralizzata. Tutti gli endpoint utilizzano un programma client che monitora lo stato di ciascun sistema e la sua sicurezza. Una volta distribuito e impostato questo programma client su tutti i sistemi, il server centrale può tracciare e gestire gli endpoint. Questo tipo di framework è anche noto come modello client-server.

Soluzione Cloud-based. In questo approccio alla sicurezza, il programma di sicurezza è ospitato sul cloud. Tutta l’elaborazione e l’archiviazione dei dati sono eseguite da hardware specializzato situato all’interno di un data center. Questi dati includono informazioni relative alla sicurezza e lo stato degli endpoint. Quando l’impresa richiede un servizio specifico, deve abbonarsi al servizio sulla piattaforma cloud. L’amministratore IT può impostare attività di sicurezza, come la ricerca di vulnerabilità o la distribuzione di configurazioni di sicurezza, utilizzando la piattaforma cloud.

Endpoint security. Vulnerability Manager Plus.

ManageEngine Vulnerability Manager Plus è una soluzione di sicurezza endpoint locale con la giusta combinazione di strumenti per gestire le reti con un numero considerevole di dispositivi connessi. Ecco alcune caratteristiche interessanti che lo distinguono nello spazio di sicurezza dell’endpoint:

  1. Gestione della configurazione della sicurezza. Con Vulnerability Manager Plus, gli amministratori possono tenere traccia delle impostazioni del firewall e rilevare account utente inutilizzati e aprire condivisioni di rete. Queste funzionalità sono disponibili nella scheda dedicata Errori di configurazione della sicurezza.
  2. Software vulnerabilities. Questa funzione consente di rilevare e mitigare le minacce all’infrastruttura IT. Con l’intuitiva matrice di tendenza della vulnerabilità, gli utenti possono dare la priorità alle loro attività relative alla sicurezza, come il patching, in base al rischio effettivo presentato all’azienda. Vulnerability Manager Plus esegue la scansione periodica di tutti i sistemi e rileva i sistemi con software ad alto rischio presente. Gli utenti possono quindi scegliere di disinstallare questo software dalla console del prodotto.
  3. Patch Management. Questa è una caratteristica unica che rende conveniente agli amministratori di sistema distribuire le patch richieste ai sistemi da una scheda dedicata, eliminando la necessità di patchare manualmente i sistemi usando uno strumento separato. Vulnerability Manager Plus consente inoltre di automatizzare le attività relative alle patch per ridurre al minimo il carico di lavoro.

Prova la versione gratuita di Vulnerability Manager Plus: https://www.manageengine.it/vulnerability-management/ Se vuoi maggiori informazioni di carattere tecnico o commerciale contatta gli specialisti Bludis allo 0643230077 o invia una e-mail a sales@bludis.it

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Unified Endpoint Management

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

PCI DSS. Sei Compliant?

PCI DSS. Sei Compliant? Nell’agosto 2019, i giornalisti si sono rivolti alla sede ce…