Home Focus ITAM: Asset Management di successo

ITAM: Asset Management di successo

4 minuti di lettura
0
186

Il team IT, oggi, non si occupa solo di asset IT e servizi legati al business, gestisce anche le componenti patrimoniali fisiche e virtuali dell’azienda. Essendo tali componenti alla base dell’infrastruttura IT di ogni azienda, è fondamentale mettere in atto una politica per una corretta gestione di queste risorse (ITAM, IT Asset Management). Molte aziende, conoscono poco la propria infrastruttura IT mentre altre hanno visibilità limitata dei loro beni. Un asset management dinamico, abbatte in modo significativo i costi dell’IT. L’ITAM, gioca un ruolo fondamentale nella definizione e controllo dell’infrastruttura IT mantenendo sempre aggiornato lo storico dei dati. Supporta inoltre processi ITIL fornendo informazioni su asset soggetti a incident o variazioni. Aiuta l’azienda a rispettare la compliance con le licenze software riducendo così rischi legali e di sicurezza.

Ecco alcuni suggerimenti che vi aiuteranno ad implementare un efficace processo di AM traendone i massimi benefici.

Crea il tuo Inventory

Il vostro obiettivo principale, dovrebbe essere quello di avere un archivio centrale nel quale sono tracciate tutte le risorse hardware e software. Sulla base dei sistemi operativi in uso nella vostra azienda, è possibile adottare diverse tecniche di scansione e rilevamento: scansione basata su script, dominio, agent, distributed asset-based. Per utenti Windows, la scansione agent based è l’ideale. È il sistema migliore per avere il maggior numero di informazioni come: tipo di asset, produttore, stato, posizione e costo nell’ottica di averli sempre sotto controllo e poter fare le giuste valutazioni.

Mappatura dell’Asset

Avere un inventario dell’asset sarebbe inutile se non fornisse dettagli come chi utilizza il bene, a quali altri componenti è collegato e su quali servizi andrebbe ad impattare in caso di guasto. Dopo aver realizzato il vostro database, il passo successivo è creare il CMDB mettendo in relazione i vari beni. Per avere una miglior visuale della configurazione dell’infrastruttura, è importante creare una mappa usando differenti tipi di relazioni. Un business service, può essere mappato utilizzando relazioni tipo: collegato a, dipende da, gira su, impatta su altri servizi, riceve i dati da.

Gestisci il ciclo di vita dei tuoi Asset

Ogni componente hardware e software, fa parte di un ciclo di vita che attraversa varie fasi. Queste consentono di monitorare costantemente la risorsa con un conseguente miglioramento del suo utilizzo. Quando l’asset cambia stato, il database centrale viene aggiornato con il motivo, l’ora e la persona che ha effettuato la modifica. Si ha così il controllo dei propri beni e si può agire in modo proattivo rendendo più agevole il lavoro del responsabile acquisti.

Questi sono solo alcuni dei primi suggerimenti per una corretta gestione dei vostri asset! Gli altri arriveranno nella prossima puntata.

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Focus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

Patch Connect Plus. Un passo avanti!

Patch Connect Plus. Un passo avanti! Microsoft ha recentemente festeggiato un traguardo si…