Home Soluzioni IT Operations Management NCM: cinque buone ragioni per adottare uno strumento di Network Configuration Management

NCM: cinque buone ragioni per adottare uno strumento di Network Configuration Management

3 minuti di lettura
0
50
Network Configuration Management

Il numero dei dispositivi di rete che un responsabile IT si ritrova a gestire è sempre più elevato. Svariate sono anche le case produttrici di questi apparati, diventati componenti essenziali di ogni azienda. Gestirli in maniera facile, veloce e sicura è un’impresa veramente ardua. Avere una console unica da cui monitorare lo stato dei dispositivi di rete e poter intervenire in modo tempestivo è l’obiettivo di ogni IT manager. Ecco, quindi, cinque buone ragioni per adottare uno strumento software di Network Configuration Management (NCM).

  • Multi-Vendor: l’utilizzo di dispositivi di rete provenienti da diversi fornitori rende più complessa una rete e ne complica la gestione delle singole configurazioni. Avere uno strumento che consente une gestione unificata delle configurazioni semplifica molto il lavoro degli amministratori.
  • Miglioramento della produttività: uno strumento di NCM diminuisce i tempi di intervento dell’IT manager, che potrà così dedicarsi ad altre attività, e abbatte i costi per l’acquisto di strumenti di monitoraggio dedicati ad ogni singolo Vendor.
  • Controllo completo delle configurazioni e modifiche: l’utilizzo di uno strumento unico per la gestione di più apparati permette di avere una visuale migliore ed immediata delle configurazioni dei singoli apparati e delle modifiche che sono state effettuate. Mediante la funzionalità di Backup & Disaster Recovery, si possono ripristinare velocemente le configurazioni in caso di problemi.
  • Miglioramento della sicurezza della rete: è possibile applicare delle policy basate sugli standard aziendali e verificare che vengano rispettate. Inoltre, cosa ancor più importante, è possibile essere avvisati, mediante appositi alert, su eventuali violazioni ai danni delle policy applicate. Si avrà così una rete più sicura.
  • Change Tracking & Audit: mediante questa funzione, l’IT manager, può sapere in ogni istante chi ha effettuato una modifica, cosa ha modificato e quando. In caso di configurazioni errate o violazioni sulla sicurezza, è fondamentale avere questi dati immediatamente visibili mediante un’apposita reportistica.

Perché spendere tempo ad effettuare decine di configurazioni manualmente quando è possibile fare tutto in automatico? Uno strumento unico di NCM permetterà di migliorare i tempi di intervento e la sicurezza, rendendo la tua azienda ancora più all’avanguardia!

  • APM Alerts.

    APM Alerts. Nuova Integrazione.

    APM Alerts. Nuova Integrazione. Monitoraggio delle applicazioni e alerting vanno di pari p…
  • RMM.

    RMM. A cosa serve?

    RMM. A cosa serve? Remote Monitoring and Management (RMM), è un processo di tracciamento, …
  • Password spray attacks.

    Password spray attacks. Come proteggersi.

    Password spray attacks. Come proteggersi. Si sente parlare di attacchi tradizionali basati…
Altri articoli correlati
  • APM Alerts.

    APM Alerts. Nuova Integrazione.

    APM Alerts. Nuova Integrazione. Monitoraggio delle applicazioni e alerting vanno di pari p…
  • RMM.

    RMM. A cosa serve?

    RMM. A cosa serve? Remote Monitoring and Management (RMM), è un processo di tracciamento, …
  • Password spray attacks.

    Password spray attacks. Come proteggersi.

    Password spray attacks. Come proteggersi. Si sente parlare di attacchi tradizionali basati…
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in IT Operations Management

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

APM Alerts. Nuova Integrazione.

APM Alerts. Nuova Integrazione. Monitoraggio delle applicazioni e alerting vanno di pari p…